Sartoria Ciclistica-Faema Cycling Team

La Design Week è finita, ma molte delle cose viste, molte delle opere, molte delle iniziative che hanno animato la settimana milanese sono ancora ben impresse nella nostre menti e sui nostri social. Nei nostri è ancora ben forte l’evento Trackhouse – Coffee & Biciclette Night, organizzato nella splendida cornice del Flagship Faema Art&Caffeine in via Forcella 7. Lo spazio è stato teatro per tutta la settimana della Coffee Week Experience: degustazione e workshop all’insegna del caffè. Giovedì 11 però, è stato qualcosa di più. Tra un caffè con la miscela “Ghisallo Power”, preparata per l’occasione da Nimex, e un cappuccino, preparato dalla campionessa nazionale Latte Art 2018 e 2019, Manuela Fensore, è stato presentato il Sartoria Ciclistica-Faema Cycling Team

sartoria ciclistica1

Un gruppo di irriducibili gentleman che solo a guardarli capisci che il ciclismo non è solo uno sport. È abnegazione, è follia, è rischio, è divertimento. Il team nasce intorno alla Sartoria Ciclistica di Como, il primo Bike Cafè & shop in Italia. L’idea di fondare un posto con il solo e nobile obiettivo di aggregare tutti gli appassionati di ciclismo è di Alessandro Tino che in onore del nonno sarto fonda non un semplice ritrovo, ma un tempio perché in Sartoria Ciclistica il ciclismo è un culto. Ironia della sorte il luogo in cui questo santuario nasce era una famosa sartoria di Como. E ancora oggi qualche vecchietto del luogo si affaccia per ritrovare ago e filo, ma si ritrova davanti ruote e telai che si perdono tra birra e risa di questo gruppo di giovin signori della nostra era. Come scriveva Bukowski lo stile è la risposta a tutto e qui di risposte se ne trovano tante. Sempre con il sorriso.

Non un semplice ritrovo, ma un tempio perché in Sartoria Ciclistica il ciclismo è un culto. Il loro motto è “Cycling is our passion, coffee is our boost”

E tra una pedalata e una birra un bel giorno questi ragazzi capitanati da Alessandro decidono di rendere questa passione ancora più reale. Nasce così: Sartoria Ciclistica-Faema Cycling Team. L’idea si sviluppa anche grazie al prezioso supporto del marketing team dell’azienda milanese Faema, brand che già negli anni 60 sponsorizzava campioni come Eddy Merckx. L’idea di riprendere questo collegamento con le due ruote in chiave moderna è stata la chiave per rendere realtà questo sogno. Così eccoli i nostri ragazzi con le loro divise colorate e sgargianti, il loro sorriso e il loro immancabile savoir faire a gareggiare per l’Italian Fixed Cup. Questo weekend il team era a Carpi e Alessandro ha vinto il premio come miglior rider del weekend mentre Andrea Olivieri è arrivato terzo. Un inizio che fa ben sperare e anche se non si dovesse vincere nulla non importa, non è quello che conta, é tutto il resto. è ciò che questo team riesce a trasmettere, è la loro arte. Perché come scriveva Alfredo Oriani:

Il ciclismo è il massimo di possibilità poetica consentita al corpo umano.

Autore

Redazione
giro delle fiandre
Attualità

Sudore, birra e à bloc!

Orde di tifosi ogni anno, in occasione della prima domenica di Aprile, si riversano a qualche decina di chilometri a nord di Bruxelles per la prima delle grandi classiche del nord: il Ronde van Vlaanderen, Giro delle Fiandre, per gli amici. …

Parigi - Roubaix
Ciclismo

Parigi – Roubaix, the Queen in the North

Dagli albori del secolo scorso, cioè più o meno da quando esistono le biciclette, nell’area compresa fra il nord della Francia, il Belgio e i Paesi Bassi sono state organizzate competizioni su quasi ogni tracciato disponibile …

gino bartali
Ciclismo

Gino Bartali, il giusto

Ci sono campioni dello sport che superano il confine tra fama e leggenda. Uno di questi è Gino Bartali. L’atleta nato a Ponte A Ema è il classico campione della vita, oltre che fenomeno nello sport. Per comprendere ancora di più l’importanza che Bartali ha avuto nel ciclismo e non solo, occorre quindi fare una panoramica sulle imprese sportive e sociali. …

tour de france
Ciclismo

Tour de France: aneddoti e curiosità

Quello che oggi è conosciuto come la più importante competizione ciclistica del mondo è nata dall’intuizione di un giovane francese, tal Jacques Goddet, che nel tentativo di risollevare le sorti economiche del giornale di suo padre, L’Auto-Vélo, …

Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now