rapha palace

Rapha-Palace: un tarlo costruttivo

Earworms, ovvero “bachi delle orecchie” (traduzione letterale) ma anche più semplicemente “tormentoni”. In breve, è questo il termine che denota quel meccanismo per cui un brano musicale entra inconsciamente nella testa di un uomo e lì vi si annida, portando poi l’individuo affetto nelle ore, nei giorni e anche nelle settimane successive, a canticchiarne spezzoni, a fischiettarne le note, a ripeterne assiduamente la melodia nei momenti più disparati.

rapha palace

Una delle ragioni per cui questo processo può innescarsi in ognuno di noi risiede nella ripetitività con cui il nostro apparato uditivo entra in ascolto di un pezzo o di una sinfonia musicale di qualsiasi genere. Anche altri elementi come ritmo, intervalli e suoni incidono poi, nella memorizzazione e nella successiva riproduzione di un brano ma la ripetitività è, a tutti gli effetti, la conditio sine qua non per cui tale comportamento possa attivarsi. Cambiando organo e traslando questo processo sul piano visivo, è altrettanto vero che lo spaesamento, provocato ad esempio dalla visione di un quadro o, più in generale, di un’immagine dai connotati ambigui, può sparire o acuirsi riosservando più volte la res perturbans in oggetto; di conseguenza, anche il parere o il giudizio elaborato da noi in merito può cambiare, passando da un apprezzamento a una critica e viceversa.

In questo turbamento appena descritto si saranno riconosciuti molti di quelli che, recentemente, per un motivo o per l’altro si sono imbattuti nello speciale kit indossato dai corridori della Education First all’ultimo Giro d’Italia, ideato e realizzato da Rapha in collaborazione con Palace.

La collection in questione, comprendente una linea tecnica con caschi, maglie e pantaloncini dedicati alla competizione e una di prodotti lifestyle con felpe, t-shirt e giacche griffate con gli stessi temi ricorrenti, ha trovato tanti fermi oppositori, diversi favorevoli entusiasti e altri che, dopo un primo fugace sguardo, tappa dopo tappa e giorno dopo giorno hanno rivisto (parzialmente o totalmente) la propria posizione a riguardo.

Se molti, però, si sono spesi con questi termini e hanno esibito delle perplessità – primo fra tutti il Wall Street Journal – attorno al vestiario indossato dalla compagine americana alla Corsa Rosa, è perché quest’ultima non si è solo limitata a disegnare e proporre un nuovo kit gara ma lo ha fatto appoggiandosi – in un’operazione di marketing perfettamente orchestrata – a un brand avulso dal ciclismo, catapultando in questo modo il mondo streetwear direttamente all’interno di una delle manifestazioni su due ruote più celebri e seguite.

rapha palace

L’incontro tra questi due universi, specialmente per gli appassionati del pedale, è stato piuttosto shockante o disruptive, come lo hanno definito i media anglofoni, ovvero dirompente, devastante: all’improvviso la carovana del Giro si è trovata circondata da divise sgargianti combinate con pattern a pois, ipnotizzata da trame psichedeliche, invasa da voluminosi triangoli di Penrose recanti i nomi dei due principali brand coinvolti, illuminata dalle effigi di soli new age, assediata dall’inconfondibile sagoma di paperi in stile cartoon, abbagliata da geometrie a scacchiera e spruzzate di elementi fluo.

Di fronte a tutto ciò, tra tifosi, appassionati e addetti ai lavori hanno immediatamente iniziato a serpeggiare sbigottimento e incredulità. Nulla, infatti, pareva avere senso anzi, ogni cosa sembrava in perfetto e perenne contrasto con le altre. Anche impegnandosi, trovare una razionale spiegazione a queste scelte di vestiario si è subito rivelato drammaticamente difficile e dunque bollare questo come un fallimento è diventata la più inflazionata e veloce delle conclusioni.

All’improvviso la carovana del Giro si è trovata circondata da divise sgargianti combinate con pattern a pois, ipnotizzata da trame psichedeliche, invasa da voluminosi triangoli di Penrose recanti i nomi dei due principali brand coinvolti, illuminata dalle effigi di soli new age, assediata dall’inconfondibile sagoma di paperi in stile cartoon, abbagliata da geometrie a scacchiera e spruzzate di elementi fluo.

Eppure, dato ciascuno il proprio verdetto personale, a chiunque vi fosse incappato per diverso tempo le immagini di questo kit hanno continuato a rimbalzare in testa, senza apparente motivo, alla stregua di un vero e proprio earworm, un fenomeno che in ogni caso, bisogna ricordarlo, poggia su solide basi scientifiche.

Anche lo straniante “caso” visivo di Rapha e Palace e l’apparente insensatezza delle loro scelte ha le sue motivazioni, ma per trovarle bisogna risalire proprio all’accostamento di due mondi sulla carta molto lontani tra di loro come quello del ciclismo e quello dello streetwear, legato alla sfera “skate”. La commistione volontaria dei due ambiti ha, infatti, finito per dar vita a qualcosa di nuovo e mai visto prima, in grado, per le sue specifiche e diverse origini, di rompere con le tradizioni, le convenzioni e gli schemi del passato (anche recente) in materia di abbigliamento ciclistico-sportivo e per questo sfuggire a ogni logico legame con il design e le linee ammirate negli ultimi anni.

rapha palace

In sostanza, l’intenzionale mancanza di logica data dal volontario intento di staccare decisamente dallo stile contemporaneo in questa circostanza è diventata il tratto peculiare e caratteristico della collection, quello che l’ha resa unica e accattivante ancorandola inconsciamente al nostro panorama cerebrale. Sfruttando la trasversalità del marchio, Palace non si è limitata a concepire una nuova linea di abbigliamento sportivo ma è andata decisamente oltre, ignorando i canoni dell’ingombrante tradizione ciclistica e portando, tramite la riproposizione qua e là di elementi già visti (il papero in stile comic ricalca da vicino la “Z” e lo stile fumettistico della divisa della Vetements Infants di fine anni Ottanta), una ventata d’esuberante anticonformismo.

È proprio questo tocco quasi derisorio e irriverente nei confronti degli standard attuali che ha fatto storcere il naso e gridare allo scandalo molti puristi del genere. A prescindere, però, dai gusti personali e dal fatto che ci si voglia allineare su una posizione piuttosto che su un’altra, ciò che si deve riconoscere ai due brand d’oltremanica è l’aver portato congiuntamente nel ciclismo una visione fresca e differente e, con essa, un linguaggio più moderno in grado di avvicinare un più ampio e (potenzialmente) più giovane pubblico.

Per “portare nuova attenzione su questo sport dall’esterno” Rapha si è affidata a un marchio “estraneo all’estetica del ciclismo, ignaro delle sue origini e poco avvezzo alle sue usanze” il cui fine ultimo in questa partnership è stato “mostrare che il ciclismo è per tutti ed è meritevole di attenzioni e sorrisi“. Con l’incontro tra “skate e ciclismo su strada nella terra della moda” le due realtà, nonostante quello che dicono molti, sono riuscite nel loro intento, sollevando dibattiti, discussioni e attenzioni mediatiche che non possono che essere accolte favorevolmente da una disciplina ancora fortemente dipendente dalle sponsorizzazioni private.

Smuovere, quindi, le acque e far vedere che il ciclismo è un mondo – e ancora prima un mercato – aperto alle novità e appetibile anche per realtà distanti da quelle del pedale non può che giovare a un movimento la cui salute negli ultimi tempi, tra corse annullate e squadre dismesse per mancanza di fondi, è stata e continua a essere parecchio funestata da difficoltà economiche diffuse.

Lo “shock” causato da EF assieme a Palace, perciò, si colloca in questa direzione, ambendo, come fine ultimo, ad intercettare e avvicinare sia nuove fasce di pubblico che nuovi investitori a uno sport dove già, almeno a livello di ordini d’arrivo, una nuova generazione sta facendo faville. Sicuramente il tarlo lanciato ha attecchito in qualcuno; la speranza è che ora possa continuare a propagarsi e ad agire anche nei cuori e nei cervelli sensibili di altre persone.

About

Essere gentleman non è una moda, è uno stile. É il nostro modo di stare al mondo. Continua a leggere

Un grande giocatore vede autostrade dove altri solo sentieri. Vujadin Boskov<