atleti di cristo

Gli Atleti di Cristo, come la chiesa evangelica si è diffusa grazie al calcio

Gli Atleti di Cristo. Questo è il nome di un’associazione cristiania evangelica composta da atleti delle discipline più svariate, e che conta tra i suoi membri alcuni tra i più grandi campioni del calcio brasiliano. In realtà, l’associazione va ben oltre il campo di calcio e nel corso degli anni è diventata tanto potente da influenzare anche la politica del Paese. Polemiche e fatti eclatanti hanno accompagnato tutto lo sviluppo di questo movimento che, sebbene oggi sembra non essere più sotto i riflettori, continua a crescere sempre di più.

L’idea che un potente movimento evangelico nasca nel cattolicissimo Brasile è , di per sé, bizzarra. Eppure dagli anni Ottanta, quando quasi il 90% della popolazione brasiliana dichiarava la sua appartenenza alla fede cattolica, l’evangelismo si è pian piano fatto strada. Da una ricerca di Datafolha, un istituto di sondaggi, è emerso come l’evangelismo è passato dal 6,6% del 1982 al 31% del 2021. Il Brasile rimane la più grande nazione cattolica del mondo, ma si prevede che entro il 2032 le chiese evangeliche attireranno più fedeli nel Paese.

Il pioniere del movimento fu il pilota di Formula 1 Alex Dias Ribeiro, che negli anni Ottanta gareggiava con la frase Jesus Saves sulla sua auto. Ben presto, suo seguace divenne Joao Leite, portiere dell’Atletico Mineiro la cui missione, secondo lo stesso Leite, era quella di diffondere il messaggio di Gesù Cristo attraverso lo sport.

atleti di cristo

Joao Leite credeva di avere una missione assegnatagli da Gesù Cristo: diffondere la parola di Dio tra gli altri giocatori.

Tra i vari episodi che si possono ricordare in merito alla sua carriera di missionario evangelico, uno risale al 1982 quando in occasione della partita contro il Cruzeiro, il portiere si avvicinò al suo avversario, Carlos Gomes, porgendogli una Bibbia e comunicandogli che Gesù lo amava. E, nonostante l’iniziale sbigottimento, poco dopo anche Gomes si unì agli Atleti di Cristo. Tuttavia, le cose non sono sempre state facili per il movimento evangelico. Lo stesso Joao Leite racconta di come all’inizio la sua decisione di giocare con una maglia che recitava Christ Saves fosse stata osteggiata dalla Confederazione Brasiliana di Calcio, che addirittura penalizzò l’Atletico Mineiro. Ma fu proprio quell’episodio a rendere più forte in lui il desiderio di portare a termine la sua missione.

Lo stesso Joao Leite racconta di come, all’inizio, la sua decisione di giocare con una maglia che recitava Christ Saves fosse stata osteggiata dalla Confederazione Brasiliana di Calcio, che addirittura penalizzò l’Atletico Mineiro

taffarel
Cláudio Taffarel, membro degli Atleti di Cristo

Un altro evento che ha segnato la storia del movimento è legato al mondiale del 1994 e, in particolare, alla finale contro l’Italia. Quando Roberto Baggio sbagliò il calcio di rigore, cinque giocatori del Brasile, appartenenti al gruppo evangelico festeggiarono l’errore formando un cerchio e ringraziando il Signore.

Quando Baggio ha preso la palla non avevo dubbi che avremmo vinto. Chiunque crede in Dio non perderà mai contro qualcuno che crede in Buddha.

Cláudio Taffarel, portiere della nazionale campione del mondo

Al loro primo incontro gli Atleti di Cristo erano in quattro, oggi sono circa 7.000 in 60 Paesi; Kaka, Lucio e tanti altri campioni hanno preso parte attivamente al gruppo evangelico. A differenza degli anni Ottanta, oggigiorno ai pastori evangelici viene concesso un accesso speciale ai campi di calcio, e in qualche caso sono persino entrati a far parte dell’entourage di alcuni giocatori. Dopo aver vinto la Confederations Cup in Sud Africa, Lucio e altri suoi compagni hanno indossato magliette bianche con slogan devoti come Io amo Dio e Io appartengo a Gesù. La FA danese si è lamentata pubblicamente e la FIFA, le cui regole vietano “dichiarazioni politiche, religiose o personali“, ha inviato una lettera di avvertimento alla federazione brasiliana. Nel 2010 ESPN, parlando di Ronaldinho, scrisse che non sarebbe stato convocato per i mondiali perché: “per giocare per la Seleção il calcio non basta. Bisogna essere un membro della ‘igrejinha’ (letteralmente “piccola chiesa” o “cricca”)”.

atleti di cristo

Probabilmente è grazie al calcio che gli evangelici sono cresciuti in numero e potere in Brasile. Il presidente Jair Bolsonaro ha vinto le elezioni del 2018 con il sostegno di quasi il 70% della comunità evangelica, comprese le stelle Neymar e Rivaldo. Tanto è l’influenza di quella chiesa che Bolsonaro, nato in una famiglia cattolica, è stato ribattezzato da un pastore evangelico. L’espansione evangelica in politica può essere fatta risalire al 1986, quando iniziò a diffondersi la voce che il Brasile stesse pensando di fare del cattolicesimo la sua unica religione ufficiale. Quell’anno furono eletti 32 deputati federali evangelici; ora ci sono 105 di questi deputati, oltre a 15 senatori. I critici collegano la crescita del movimento evangelico in politica al rafforzamento dell’agenda conservatrice e all’aumento dell’intolleranza che non lascia spazio di espressione a coloro che appartengono ad altre credenze religiose. Mentre il tasso di approvazione nazionale di Bolsonaro è recentemente sceso al 22%, molti calciatori evangelici, come Neymar, rimangono fedeli e sono visti come figure chiave nel rafforzare il suo appeal. L’ex nazionale brasiliano Walter Casagrande ha criticato più volte l’attaccante del Paris St-Germain, sostenendo che è diventato il “vassallo” del presidente verdeoro.

E ancora, quando durante la partita degli ultimi Giochi Olimpici tra Brasile e Germania, Paulinho ha segnato, è stato interessante notare la sua esultanza. Prendendo posizione contro la persecuzione religiosa, il brasiliano ha simulato il gesto di un arciere, in omaggio a Oxossi, una divinità spirituale della religione Candomble, un misto di credenze tradizionali Yoruba, Fon e Bantu originarie di diverse regioni dell’Africa, in passato praticata spesso in segreto. Anche adesso è ancora oggetto di attacchi da parte di evangelici radicali che considerano la religione satanica. Ma Paulinho sembrava determinato a ricordare a tutti i suoi connazionali che c’è ancora spazio per tutte le religioni in Brasile e nella nazionale.

About

Essere gentleman non è una moda, è uno stile. É il nostro modo di stare al mondo. Continua a leggere

Un grande giocatore vede autostrade dove altri solo sentieri. Vujadin Boskov<