il 22 maggio 1990, Eusébio (la Pantera Negra) è nel cimitero ebraico di Wigner Zentralfriedhof a Vienna. Ha con sé dei fiori, sono per il suo vecchio allenatore, colui che lo scoprì e lo porto alla fama internazionale. Eusébio si ferma davanti alla tomba, lascia i fiori, dice qualche parola e va via. Leggi di più
Jack Kerouac fece il suo primo down nell’autunno del 1935. Aveva tredici anni. Non aveva un fisico adatto per un giocatore di football, ma aveva tanta grinta e gambe potenti che ne facevano un velocissimo halfback. Prima ancora di mollare tutto per andare verso sud e iniziare la sua carriera da sbandato americano, il padre della Beat Generation era animato da una sola ed ossessiva passione, il football. Leggi di più
Anfield. Entrando nello stadio del Liverpool attraverso lo Shankly Gate, l’entrata dedicata all’eroe locale Bill Shankly, si trova una scritta che campeggia sopra l’entrata in ferro, You’ll never walk alone. Non si tratta di una scritta ornamentale, né una semplice frase motivazione. È qualcosa di più profondo, più dogmatico nella cultura dei Red Leggi di più
Tutti coloro che seguono lo sport sanno che la principale domanda di tutti i ragazzi che intraprendono questa carriera è: che cosa farò da grande? Per sua natura la carriera sportiva è effimera, per quanto redditizia, ed è per questa ragione che chiunque l’abbia intrapresa, se dotato minimamente di testa, all’età di vent’anni ha iniziato a chiedersi cosa fare di tutti quei soldi e come investirli in un’attività futura che garantisca rendita e permetta di mantenere uno stile vita a cui è difficile disabituarsi. Va aggiunta alla questione la riflessione su quanto sia precaria una vita sportiva. Leggi di più
Un giocatore che nonostante fosse un predestinato, nonostante eguagliasse in classe Maradona, non diventò mai un fuoriclasse, uno di quei giocatori da ricordare generazione dopo generazione. Perchè? Perchè al calcio preferì la vita. Il suo nome è Jorge Alberto González Barillas, noto a tutti come Mágico González, e questa è la sua storia. Leggi di più
Kareem Abdul-Jabbar, inventore dello Sky Hook, è stato per anni uno dei migliori interpreti del basket americano, dalle high school all’NBA, passando per l’università di Ucla, in California, dove fui allenato da John Wooden. Nella lega professionistica è stato il centro prima dei Milwaukee Bucks e poi del Los Angeles Lakers dello "showtime", ed una delle figure più rappresentative anche della battaglia degli afroamericani per l’uguaglianza sociale. Leggi di più

About

Essere gentleman non è una moda, è uno stile. É il nostro modo di stare al mondo. Continua a leggere

Un grande giocatore vede autostrade dove altri solo sentieri. Vujadin Boskov<