wimbledon inverno
Photo credit: AP

Inverno a Wimbledon, nell’attesa di un nuovo Slam

 Wimbledon è l’unico torneo del Grande Slam giocato su una superficie viva. I frequentatori abituali dell’All England Club, che sono circa 500, giocano sui campi esterni da metà maggio a metà settembre. Ora che la stagione è terminata, le lampade solari illuminano i campi con fasci di luce UV: il lavoro, per chi si occupa di questo teatro dello sport, non finisce mai.

Per me, è probabilmente altrettanto frenetico come qualsiasi altro momento dell’anno.

Neil Stubley, responsabile dei campi

Nella pioggerella e nell’oscurità, con i campi ridotti a piccoli tappeti di erba e le sedie coperte da teli, la palette colori di Wimbledon — tra le più riconoscibili dello sport e dell’estate con il bianco delle divise, i cieli blu elettrico, il verde del prato e l’occasionale tocco rosso delle fragole — si presenta con una tavolozza di colori più smorzata. L’edera, che in estate si confonde nello sfondo, prende il centro della scena, avvolgendo il Centre Court di un arancione bruciato. Come afferma Stubley, il Centre Court è uno dei campi di erba più esaminati al mondo. Ogni anno la settimana prima che la stagione dei tornei inizi, un team di esperti dello Sports Turf Research Institute testa i campi ogni mattina e sera per tre giorni. Le analisi hanno un livello di profondità scientifica che spazzia dalla misurazione dell’altezza del rimbalzo della pallina alle letture in profondità del terreno per monitorare il livello di umidità.

Molto dipende dal clima. La chiave è mantenere la superficie abbastanza dura per il gioco e al contempo un buon livello di umidità affinché l’erba rimanga viva. Ma altri fattori sono ancora più difficili da prevedere: le volpi di Londra si aggirano nei dintorni di notte e la loro urina, ricca di nitrati, può bruciare l’erba estiva.

Se noti una zona fuori tono, puoi infilare il tuo fidato coltello lì, dargli un annusata, e capirai subito se una volpe ci ha fatto la pipì. Poi cerchi di diluirla con un sacco d’acqua, ma a volte l’erba morirà. A quel punto si tratta di stendere quello che chiamiamo ‘pittura del giardiniere’. Questo non influisce sul gioco, perché le caratteristiche del campo sono nel terreno, non nell’erba.

Neil Stubley, responsabile dei campi

Martyn Falconer, giardiniere capo, è responsabile delle 50.000 piante che decorano i 42 acri del sito, e il suo compito è mantenere la promessa di Wimbledon di organizzare “tennis in un giardino inglese”. Qualunque sia il tempo, ci sono siepi da potare, erbacce da tirare su o compost da scavare. Diecimila bulbi sono appena stati piantati. Spunteranno, fioriranno e moriranno, tutto invisibile per mezzo milione o più di spettatori che arriveranno nei prossimi mesi.

Sono qui abbastanza a lungo da capire cosa sta per accadere. Si avverte un silenzio, ma sta solo bollendo…

Martyn Falconer, giardiniere capo

La difficoltà è stare al passo con i cambiamenti climatici: inverni meno freddi e umidi, ed estati più calde e secche. Indipendentemente da come variano le condizioni, per molti, Wimbledon rimane una costante; un angolo curato dell’Inghilterra su cui possono contare estate dopo estate, anno dopo anno.

C’è stata una lettera alcuni anni fa che mi è rimasta impressa. Proveniva da una signora che veniva ogni anno con suo marito. Le piaceva l’arco di rose. Lui è morto, ma lei torna ancora e si siede lì ogni anno e lo apprezza. Ha solo detto quanto sia sempre incredibile.

Martyn Falconer, giardiniere capo

Per leggere l’articolo originale https://www.bbc.com/sport/tennis/67760747

About

Zeta è il nostro modo di stare al mondo. Un magazine di sport e cultura; storie e approfondimenti per scoprire cosa si cela dietro le quinte del nostro tempo,

Altre storie
padel
Il padel, da una villa di Acapulco a sport del momento