kenya doping maratona

Perché i test positivi all’antidoping sono la soluzione al più grande scandalo nel mondo dell’atletica

In principio fu il sistema formalizzato della Germania Est negli anni Settanta e Ottanta, poi vennero gli atleti sovietici durante la Guerra Fredda, i corridori cinesi che facevano parte dell’esercito di Ma negli anni Novanta e infine, il regime di Putin che ha macchiato i Giochi di Londra 2012. Ora, l’ultima ondata di test positivi all’antidoping proviene da un Paese che, agli occhi del mondo, sembrava aver combinato il perfetto connubio tra natura e talento, diventando una potenza nel campo delle corse. Quando, a maggio, il detentore del record mondiale dei 10 km su strada, Rhonex Kipruto, è diventato l’ultimo atleta keniota di spicco a venir sospeso provvisoriamente per sospetti reati di doping, c’è stato un collettivo sguardo di sfiducia nello sport. Se le sue smentite si rivelassero vane e venisse trovato colpevole, il 23enne sarebbe solo l’ennesimo nome da aggiungere ad un sempre più lungo elenco di kenioti squalificati.

kenya doping maratona
Rhonex Kipruto festeggia la vittoria alla mezza maratona del 2022 a New York, ma da allora il keniota è stato temporaneamente sospeso per aver utilizzato una sostanza vietata

L’ex detentore del record mondiale della maratona, Wilson Kipsang, l’ex detentore del record mondiale della mezza maratona, Abraham Kiptum, la campionessa olimpica della maratona a Rio 2016, Jemima Sumgong, il vincitore della Maratona di Londra Daniel Wanjiru, il triplo campione del mondo dei 1500 metri, Asbel Kiprop e il suo successore, Elijah Manangoi sono gli atleti più noti già squalificati per doping. Ma mentre il numero aumenta e le pressioni estere per escludere il Kenya dalle competizione atletiche crescono, l’uomo incaricato di ripulire lo sport ha un messaggio di speranza.

Tutti devono essere preparati perché nei prossimi mesi e anni ci saranno molti altri casi di doping in Kenya. Sto cercando di dire a tutti: ‘Non siate sorpresi. Non siate scioccati’. Questo è ciò che deve accadere per mettere tutto sotto controllo. È ora o mai più.

Brett Clothier, capo dell’ Independent Athletics Integrity Unit (AIU), l’organismo indipendente creato cinque anni fa per combattere il problema del doping.

Quattro anni fa, Clothier si trovava davanti a una sala conferenze nella città cinese di Lanzhou. Uomo completamente impavido nella sua ricerca della verità, il capo dell’AIU sapeva che il modo migliore per provocare una reazione era raccontare la semplice verità. Così ha proiettato una diapositiva sullo schermo. “La situazione attuale è insostenibile e il mondo della maratona si sta avvicinando a uno scandalo di doping paragonabile ai peggiori nella storia dello sport,” recitavano le parole in caratteri grandi e audaci. Nell’anno precedente, nelle 50 gare della Gold Label il 76% dei vincitori non era stato sottoposto a controlli antidoping. Il messaggio di Clothier era semplice: se coloro coinvolti nel mondo delle corse volevano ripristinare qualsiasi sembianza di fiducia nel loro prodotto, avrebbero dovuto mettere mano al portafoglio e stanziare denaro per aumentare drasticamente i processi antidoping. L’epicentro era evidente: circa l’80% degli atleti non testati che hanno conquistato il podio in quelle lucrose e prestigiose corse provenivano dalle superpotenze della maratona: Kenya ed Etiopia.

Quello che stiamo vedendo nella maratona – specialmente in Kenya e Etiopia – sono letteralmente centinaia di atleti che sono totalmente fuori dal controllo, altamente motivati ​​a doparsi perché guadagnano bei soldi. È stato un selvaggio West, e non puoi nemmeno incolpare troppo il sistema antidoping del Kenya perché nessun altro Paese al mondo ha quella concentrazione di atleti che cercano di conquistare premi così grandi.

Brett Clothier

Il Kenya è una sorta di paradiso per la maratona: una passione nazionale che crea un’abbondanza di talento senza eguali a livello mondiale, al di là forse dei vicini etiopi. La diffusa povertà – il Fondo Monetario Internazionale colloca il Kenya al 147° posto per il prodotto interno lordo pro capite, con uno stipendio medio di 109 euro – dà bene l’idea della spinta motivazionale dei giovani keniani ad intraprendere la carriera sportiva. Basti pensare, per avere un metro di paragone, che solo la Maratona di New York offre un premio al primo classificato di 100mila dollari.

Clothier ha spiegato al L’Équipe che il fatto che in Kenya ci siano molti casi di doping ha a che fare, almeno in parte, con la crescente popolarità delle maratone. Nelle maratone, ha detto Clothier, “anche il centesimo al mondo può guadagnare molti soldi, cosa che invece non succede, per esempio, nel salto in lungo“. Gli atleti di alto livello, però, possono correre poche maratone in un anno. Ne consegue che, rispetto a uno sport come il salto in alto, ci sono più atleti con la possibilità di guadagnare soldi pur non essendo i migliori al mondo in termini assoluti, e quindi maggiori tentazioni per doparsi. La pandemia ha inoltre ridotto il numero di gare e i possibili guadagni, aumentando di conseguenza la competitività fra gli atleti e quindi i casi di doping. Clothier ha parlato anche di tecniche e prodotti dopanti che in Kenya sono ormai “facilmente reperibili“.

Brett Clothier
Brett Clothier, capo dell’ Independent Athletics Integrity Unit (AIU)

Secondo Evelyn Watta, giornalista sportivo keniota: “Dopo l’era di Paul Tergat (il primo keniano a detenere il record mondiale della maratona maschile, ndr) i media kenioti si sono aperti. Prima avevamo solo uno o due canali televisivi, ora tutti seguono l’atletica. Hanno visto che è possibile vivere di corsa, così tutti hanno cominciato ad aspirare a diventare corridori.” Per un Paese che sta vivendo un così rapido successo a livello globale, è anche comprensibile che l’infrastruttura antidoping sia stata in gran parte trascurata.

L’Agenzia Antidoping del Kenya (ADAK) è stata creata solo nel 2016, dopo che il Paese aveva evitato per il rotto della cuffia il divieto di partecipare alle Olimpiadi di Rio a causa di una serie di violazioni antidoping e accuse di corruzione. Nel 2018, un rapporto dell’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA) dal titolo Doping In Kenya ha rivelato che 138 atleti kenioti avevano dato esito positivo a sostanze proibite tra il 2004 e il 2018, ma solo il misero 14% di questi è stato scoperto tramite test fuori competizione. Gunter Younger, l’autore principale del rapporto WADA, ha dichiarato che le attrattive finanziarie per il doping sono fondamentali:

Per la maggior parte degli atleti con cui abbiamo parlato, il reddito è stato il fattore più importante, non solo per la loro famiglia ma talvolta per l’intera tribù. Per molti di loro vincere 5.000 euro assicurava la sopravvivenza per un anno. C’è molta vergogna nel riconoscere di aver barato, ma prendono il rischio per ottenere qualche soldo. Hanno poca istruzione e non sanno cosa sono le sostanze doping o le ripercussioni sul loro corpo; per loro è più importante correre.

Il rapporto WADA ha rilevato che gran parte del doping in Kenya era “poco sofisticato e disorganizzato“. Ma Clothier afferma che negli ultimi cinque anni c’è stato un aumento della sofisticazione e “dell’attività criminale organizzata“. Quando è stata interrogata riguardo alla presenza di EPO in un test antidoping del 2014, la tre volte campionessa della maratona di Boston, Rita Jeptoo, ha prodotto documenti medici falsificati che costituivano il “picco di una strategia generale” di copertura e occultamento, secondo il Tribunale Arbitrale dello Sport. Questo tipo di azioni sono indicative di un malcontento più ampio nella società keniana, afferma Watta: “Il problema del doping mette in luce la cultura di corruzione e impunità keniana. Facciamo cose sbagliate e in qualche modo riusciamo a tirarci fuori dai guai. Posso guidare una macchina difettosa, ma se un poliziotto mi ferma, lo corrompo. È una cultura nazionale che ora viene combattuta, ma è profondamente radicata ed è diffusa anche nello sport.

Clothier afferma che la cultura della corruzione nel Paese è “assolutamente preoccupante“, ma crede che l’attività criminale sempre più organizzata, alimentata da “sfruttatori” che cercano di trarre vantaggio finanziario dagli atleti, sia un motivo di maggiore preoccupazione.

Nessuno degli atleti in Kenya ha bisogno di cercare lontano per trovare le droghe. Le persone si avvicinano a loro offrendogliele. È un’opportunità finanziaria.

L’approccio allarmistico di Clothier  ha avuto l’effetto desiderato. Aziende come Asics, Adidas e Nike hanno tutte contribuito alla creazione del Road Running Integrity Programme nel 2020, che ha impegnato 3 milioni di dollari per finanziare i test fuori competizione dei 300 migliori atleti che partecipano regolarmente alle gare Gold Label. Tuttavia, è diventato sempre più evidente che concentrarsi solo sugli atleti di élite è insufficiente.

Anche se controlliamo molto bene quelli in cima alla piramide e siamo in grado di individuare i trasgressori, a causa della pressione degli atleti alla base, che non vengono testati fuori competizione, gli atleti in cima, pressati dal basso, continuano ad abusare di farmaci proibiti.

Tutto questo sta per cambiare. Alla fine del 2022, il governo keniota ha promesso di aumentare il finanziamento per la lotta al doping di 5 milioni di dollari all’anno per i prossimi cinque anni. Il gruppo di atleti keniota antidoping  è aumentato da 38 nel 2022 a oltre 300, mentre i test ai campionati nazionali kenyoti e alle selezioni per i Mondiali di agosto sono aumentati di sette volte in 12 mesi. Da quando è diventato il primo capo di un organo di governo ad espellere la Russia nel 2015, il presidente di World Athletics, Lord Coe, ha dimostrato di  non temere di eliminare coloro che deturpano l’atletica. Ma mentre il regime di doping sistematico sponsorizzato dallo Stato russo è stato affrontato con il bastone, alcuni ritengono che il Kenya abbia avuto la fortuna di ricevere una carota con la possibilità di rimanere al vertice dello sport. Solo la Russia e l’India, le cui specifiche problematiche coinvolgono quasi esclusivamente atleti al di sotto del livello internazionale, hanno più atleti attualmente sospesi per reati di doping rispetto ai 64 del Kenya. Coe insiste sul fatto che lo sforzo e la spesa in Kenya siano giustificati.

In questo momento non potrei chiedere di più alla federazione keniota che sta facendo davvero tutto il possibile per rafforzare i propri sistemi. In Russia, abbiamo avuto un caso riguardante Danil Lysenko nel 2019, che coinvolgeva il presidente della federazione, il CEO, un membro del consiglio e il responsabile antidoping, tutti in cospirazione con l’atleta per coprire una violazione delle regole antidoping. Al contrario, in Kenya abbiamo ADAK e Athletics Kenya che ci aiutano a scoprire i casi. C’è molto doping in corso, ma la Federazione, le autorità antidoping e il governo stanno facendo il massimo per cercare di risolvere il problema.

Lord Coe

Il risultato, naturalmente, è un maggior numero di test antidoping positivi. E mentre altri potrebbero disperare davanti al costante flusso di corridori kenyoti colti in flagrante con l’uso di sostanze proibite, Clothier rimane fermo nel considerarlo un successo.

Nessuno pensa che ci fosse meno doping in Kenya cinque anni fa. Semplicemente ora stiamo scoprendo persone e cercando di risolvere le cose. La prima fase è scoprire cosa sta accadendo. Questo ha creato molta drammaticità, ma ha spinto tutti a prendere la questione sul serio. Ci sono i soldi e c’è una procedura adeguata per spenderli. È eccitante perché c’è il potenziale per un vero cambiamento.

Quindi state attenti. La lunga lista di atleti kenioti positivi sarà solo destinata ad allungarsi e le cose sembreranno peggiorare mentre migliorano; è un dolore a breve termine per un guadagno nel lungo periodo.

About

Zeta è il nostro modo di stare al mondo. Un magazine di sport e cultura; storie e approfondimenti per scoprire cosa si cela dietro le quinte del nostro tempo,

Altre storie
Still Cassius Clay I - Foto: Gerry Cranham
Muhammad Ali, un’icona dei diritti civili