infantino pif mondiali 2034

La colonizzazione del calcio da parte dell’Arabia Saudita per mano di Infantino

Riportiamo l’articolo di Jonathan Wilson, comparso sul The Guardian

Congratulazioni all’Arabia Saudita, Paese ospitante del Mondiale 2034, dopo che l’Australia, avendo avuto solo un mese per preparare una candidatura per un torneo a 11 anni di distanza, ha deciso di non essere coinvolta. In teoria, naturalmente, la candidatura saudita deve ancora essere esaminata e ratificata prima che una decisione formale venga annunciata l’anno prossimo, ma Gianni Infantino ha riconosciuto che si tratta di un raro e indesiderato residuo di un dovuto processo all’interno della FIFA, annunciando il successo saudita su Instagram. Evviva il futuro! E che nessuno si preoccupi del fatto che l’omosessualità sia illegale e che i diritti delle donne siano gravemente limitati in Arabia Saudita, in contrasto con gli statuti della FIFA sulla discriminazione.

Sono state un paio di settimane positive per Infantino. Inizialmente, i pubblici ministeri hanno chiuso la loro indagine sulla relazione tra il presidente della FIFA e l’ex procuratore generale svizzero Michael Lauber, il quale era stato costretto alle dimissioni quando un tribunale aveva stabilito che aveva mantenuto segreta una riunione con Infantino e aveva successivamente mentito a riguardo mentre il suo ufficio stava indagando sulla corruzione all’interno dell’organo di governo. In una dichiarazione bizzarra e trionfalistica, Infantino ha elogiato una “vittoria piena e chiara per me, per la FIFA e per la giustizia” e ha attaccato i suoi accusatori come “poveri, invidiosi e corrotti“. Il che fa sembrare che Lauber sia stato molto sfortunato, anche se ancora non sappiamo esattamente di cosa abbia parlato in quella riunione.

Poi, il leader caricaturale della FIFA ha concluso l’accordo che apre una strada indisturbata per Spagna/Portogallo/Marocco/Paraguay/Argentina/Uruguay per ospitare il Mondiale del 2030 e l’Arabia Saudita quello successivo. Ricordate il nuovo mondo promesso quando Sepp Blatter fu costretto a dimettersi dalla presidenza della FIFA nel 2015 dopo un’indagine guidata dall’allora procuratore generale degli Stati Uniti, Loretta Lynch? Eccolo. A Lynch piace così tanto che continua a partecipare a conferenze al fianco di Infantino durante gli eventi della FIFA; nel 2020 ha elogiato il suo impegno per la “trasparenza, il comportamento etico e il desiderio di migliorare” (a meno che non riguardi la trasparenza su ciò che è stato discusso nelle riunioni con l’ex procuratore generale svizzero). E il risultato è, ammettiamolo, brillante: presentare i fatti senza accennare a tutte quelle questioni sporche con borse Mulberry, orologi Parmigiani e buste piene di denaro.

Saudi Pro League

Il nuovo mondo, come dimostra una ricerca pubblicata da Play the Game, un’iniziativa gestita dall’Istituto danese per gli studi sportivi (Idan), è decisamente saudita. È importante sottolineare che il Public Investment Fund saudita, come ricorderete dagli “impegni legalmente vincolanti” dati al CEO della Premier League, Richard Masters, durante il tentativo di acquisizione del Newcastle United, è completamente indipendente dallo Stato saudita, nonostante sia presieduto da Mohammed bin Salman, il principe ereditario e primo ministro del Regno dell’Arabia Saudita. Il che rende molto ambiguo il fatto che all’inizio di quest’anno, in una denuncia presentata a un tribunale federale degli Stati Uniti che indagava sulla lega ribelle di golf, LIV, il PIF sia stato descritto come “un organo sovrano del Regno dell’Arabia Saudita“, mentre un ordine di divulgazione è stato respinto come “un’incredibile violazione della sovranità di uno stato straniero“.

Ma lo status legale preciso del PIF è una distrazione. L’influenza dell’Arabia Saudita nello sport è enorme e ciò porta a molteplici potenziali conflitti di interesse. Il PIF possiede l’80% del Newcastle United, il cui presidente è Yasir al-Rumayyan, che è anche il presidente di LIV Golf.

Yasir al-Rumayyan
Yasir al-Rumayyan

Il principale sponsor del Newcastle è Sela, che “crea esperienze per chi cerca lo spettacolare“. Il Newcastle ha una partnership nel settore degli E-sports con VOV Gaming, una controllata del Savvy Games Group. Sela e Savvy Games sono entrambi di proprietà del PIF saudita. Lo sponsor di manica della maglia del Newcastle è noon.com, una piattaforma di e-commerce digitale. È posseduta al 50% da PIF. Il Newcastle ha una partnership con Saudi Telecom, che ha anche un accordo di sponsorizzazione con il Manchester United dal 2008, ed è posseduta al 70% sempre da PIF. Un altro partner del club inglese è Saudia, la compagnia aerea di bandiera dell’Arabia Saudita. Il Regno ha un’altra compagnia aerea nazionale, Riyadh Air, che è, anche se non ha ancora effettuato un volo effettivo, lo sponsor della maglia dell’Atlético Madrid. Il suo presidente è Yasir al-Rumayyan.

Nessuno di questi accordi viola le normative né della UEFA né della Premier League, ma è ovvio dove potrebbero sorgere potenziali problemi in relazione al fair play finanziario. In teoria, gli accordi di sponsorizzazione devono essere commisurati al tasso di mercato, ma regolare questo aspetto è notoriamente difficile, come è stato reso evidente da alcune delle accuse mosse dalla Premier League contro il Manchester City.

Entità saudite sponsorizzano o hanno sponsorizzato anche la Coppa del Mondo, le qualificazioni asiatiche alla Coppa del Mondo, la Coppa d’Asia, la Champions League asiatica e la AFC Cup, la Super League africana, la Roma, la Liga, la Supercoppa italiana, la Supercoppa spagnola e Lionel Messi. E poi c’è Rumayyan, che tra le sue molte altre cariche è presidente di Aramco, la compagnia petrolifera di Stato saudita. Ma chi potrebbe regolare tutto questo? Come si regola uno Stato, a maggior ragione ricco come l’Arabia Saudita, che ha potuto stabilire una rete così interconnessa di influenza nello sport?

Forse la FIFA avrebbe potuto fare qualcosa, ma Infantino, nel suo populismo clownesco, non è solo incapace, ma complice nella colonizzazione del gioco da parte di uno Stato con un deplorevole record in materia di diritti umani motivato non dal fare ciò che è giusto per il gioco, ma dall’interesse personale. Salve ai nostri sovrani sauditi.

Altre storie
calciobalilla
‘La filosofia del calciobalilla’, una storia di passione e libertà